Evasori fiscali ed evasori democratici

by on August 3, 2012

 

 

La signora Gauss Museo lunare La Città e il Demonio

Le nostre care élite, la nostra preziosa società civile pensano e fanno sempre il nostro bene

 

Siti amici e consigliati

Filosofia.beepworld.it

 

Elfo

Curaro ci invia

Buongiorno Gente, sono Curaro

Elfo dice che ho il chiodo fisso dei colpi di stato. Non vi piace il termine? Non è adeguato? E come dovremmo chiamare quell’azione o quella manovra che fa’ si che i cittadini (non il popolo, non la gente, ma i cittadini) votino una maggioranza, un presidente del consiglio e se ne ritrovino un’altra o un altro. E mica è successo una sola volta e da una sola parte. No! E’ capitato una prima volta con Berlusconi, una prima con Prodi, una seconda con Prodi, una seconda con Berlusconi.
Berlusconi la scampata e ha governato per una legislatura ma cosa non è stato fatto per cacciarlo anche in quella occasione!
Prendo nota di una differenza fra le cacciate di Prodi e quelle di Berlusconi:

1) Prodi fui fatto cadere dai suoi. (la prima volta (pare) da Dalema e la seconda da Veltroni);

2) a Prodi, la prima volta, successe un compagno della stessa parte politica, e la seconda si andò a nuove elezioni perché non esisteva più una maggioranza di sinistra e Prodi si leggeva sui senatori a vita. ( Che tristi figure! E’prossima una buona dose di veleno da parte di Curaro)

3) che a Berlusconi successe entrambe le volte una diversa maggioranza rispetto a quella che aveva vinto le elezioni.

Detto ciò possiamo dire  che tutta la storia della nostra democrazia è stata un susseguirsi di colpi di stato a cominciare dalla caduta del presidente Leone e sempre (a pare di Curaro) per opera di un ben preciso gruppo politico che uscito dalla resistenza come elite intellettuale, come, come riferimento culturale, come gruppo di mairtre a penser e guide spirituali, con l’ambizione di essere guida morale,  ideologica e politica della nuova repubblica si ritrovò, coi pochi voti raccolti nelle prime elezioni, nelle tristi, deludenti, umilianti condizioni di chi, reputandosi la parte migliore, l’elite intellettuale, la guida spirituale si rende conto che non piloterà nessuno, che non sarà riferimento per nessuno.
Generali senza truppe insomma! E neppure riconosciuti come generali!
Nessuno si deve stupire! Anche i cosiddetti intellettuali del Manifesto, si illusero di essere guida e riferimento intellettuale per l’intera truppa comunista. Peccato che la truppa comunista avesse già i suoi generali e le sue guide.
Naturalmente quelle altissime e nobilissime elite culturali quei colossi etici e  morali che vengono dalla Resistenza, che hanno per antenati il partito d’azione, che sono belle colte, responsabili,intelligenti che potrebbero dire di frante a simili accuse? Sorridere o scandalizzarsi di fronte ad accuse così volgari e repellenti?Oppure degnarsi appena di controbattere che le azioni qui  contrabbandate come congiure e colpi di stato sono in realtà normali e lecite pratiche democratiche?
Se l’accusa non fosse sostenuta da un oscuro Curaro ma da chi ha tutte le carte in regola e appartiene all’elite giornalistica e intellettuale sosterrebbero probabilmente che l’accusatore non capisce nulla, che è in malafede e che quelle azioni sono normali, lecite, democratiche e alla luce del sole.

Ammetto che sono giuridicamente lecite ma nello stesso tempo le qualifico come democraticamente criminali. E’ vero che si viaggia sul crinale della democrazia ma il fatto che giuridicamente tutto sia legale, che tutto si sia svolto alla luce del sole nel parlamento non modifica i termini della questione. Anche coloro che eludono lo  fanno alla luce del sole, anche coloro che eludono sono entro i limiti della legge e formalmente la rispettano. Sono entro i limiti ma in realtà ne aggirano le debolezze e, in definitiva, non pagano le tasse dovute proprio come i famigerati evasori  fiscali.
Si dice che gli evasori evadono e gli elusori eludono ma sostanzialmente entrambi non pagano le tasse che dovrebbero pagare. Gli elusori fiscali sono le elite intelligenti e furbe dell’evasione propria come i nostri elusori politici sono le elite intelligenti e furbe dell’evasione democratica. Formalmente sono a posto giuridicamente pure ma non possono nascondere che, con le loro manovre, la volontà degli elettori viene aggirata proprio come viene aggirata la legge dagli elusori.

 

Elfo

Basta così! Stop col velenoso Curaro e godiamoci questa comica!

 

 

Leave your comment

Required.

Required. Not published.

If you have one.