Tutto per il bene dei torinesi – La guerra dell’Abaco

by on August 4, 2012

 

 

In attesa di avere le immagini del museo della Fondazione SIGNORA dell'ARTE accontentiamoci di questo "Amanti lunari del civico museo lunare Il Re degli Anarchici

1 Introduzione di Elfo

Poeta è fatto così. Non ha il m inimo rispetto per chi legge e comincia a raccontare come noi della Torino lunare si sapesse tutto e tutti sapessero, in particolare, che   il potente direttore del potente circolo Turati (che pare non esista neppure nella Torino terrestre) al potere ormai da quarant’anni, ormai vecchio sbrodolone ma sempre avido e lupesco vassallo della Torino cultural chic s’era fatto in pubblico la cacca  nei pantaloni.

 

Torino impazzita. Tutto per il bene dei torinesi.

Qui Torino Lunare il Vostro POETA

Qui Luna dal vostro poeta: le pubbliche cacche nei pantaloni non potevano essere tollerate e neppure il boccaccesco sabba al Caricola. «Sostituirli?»  si cominciò a sbraitare «Non basta! Questa è un’epidemia!» E lassù nelle ovattate stanze dove, tra intarsi di marmi e di legni pregiati, la laboriosa, colta disinteressata elite illuminata dal Sole, lavorava per il bene di tutti, ha sentenziato «Qui salta il banco!» E fu così che l’alta e altissima elite, diede il via alla guerra dell’Abaco.

Sono saltati i consigli di fondazioni e teatri, di musei e di enti, di autostrade, di banche e di Asl, a partire dalla potente e opulenta fondazione San Paolo fino a infima e povera per la pesca di vigna. Sono saltate le direzione di musei, autostrade, enti per trote, per nebbioli, baroli, tartufi di Alba, conigli di Langhe, erbe dell’alpe, fiere bovine, fiere suine, alpi, alpeggi, eventi e festival, teatri, farmacie, settembri musicali, protezione stelle alpine, muccaggi autoctoni, forti militari, abazie, strade, autostrade, asili, orfani, enti morali, trasporti regionali, provinciali, comunali ecc. ecc. Un immane Tsunami s’è scatenato sull’eternamente instabile equilibrio dell’Abaco, un vero uragano ha investito l’austera, bella, intelligente colta, solidale, progressista società civile e politica. La città s’è ritrovata nuda e in lotta feroce.

Le riunioni hanno assunto un ritmo vorticoso. Margherita–Ds, Ds-Margherita, Margherita –Ds, Ds-Margherita, Margherita –Ds, Ds-Margherita, Margherita –Ds, Ds-Margherita, Margherita–Ds, Ds-Margherita, Margherita–Ds, Ds-Margherita, Società civile-Ds, Società civile Margherita, Margherita-società civile, Società civile- Ds, Società civile Margherita, Margherita-società civile, Società civile- società civile, Altri-società civile Margherita–Ds, Ds-Margherita, Margherita–Ds, Ds-Margherita, Margherita–Ds, Ds-Margherita e Cultura. Cultura, Cultura tanta Cultura perché questo è l’oggetto delle vorticose riunioni: la cultura e il bene dei cittadini. In tutte le riunioni come un furetto saltella il direttore del circo, mago Balivo, amico di tutti, calcolatore di punti, provvidenza del cielo.

La battaglia si protrae interminabile. Nei bar, sui giornali, nelle ovattate stanze, nelle sedi dei partiti, nei retri dei palcoscenici, negli uffici, nelle ville, sulle barche, negli alberghi, nei teatri, negli uffici, nei caffè; la battaglia ferve dovunque, ovunque l’Abaco con le sue tessere viene manipolato, violentato, strappato perché i posti sono tanti ma non infiniti e gli affamati, tenaci, combattivi pretendenti ancora di più. Un’immane opera attende la nostra civilissima alta e altissima elite, totalmente dedita al bene di tutti, alla grande cultura, alla solidarietà corposa e diffusa, ai bimbi dell’Africa, agli affamati del Kenia, agli Assetati d’Etiopia. L’austera, bella, intelligente colta, solidale, progressista società civile ha sulle sue spalle disinteressate il bene di tutta Torino Lunare Taurini e il bene di tutti.

Previsioni, scommesse, pettegolezzi e teorie fioriscono nelle case, nei bar, negli uffici, nei parchi. Si racconta di urla, di coltelli volanti, di patti e spiate, di boccacceschi ricatti, di tangenti, di mercati di sesso e denari. La città è invasa da una nuova pazzia, ma non si spaventi il lettore: al giorno d’oggi non ci si sgozza più né si uccide più il rivale, tutto avviene in salotti vellutati, ovattati tra marmi e legni, tra inchini, sorrisi e sorsi di brandy: l’ambiente è delizioso e ricco, le aragoste succose, gli abiti targati e griffati, le rughe stirate, i seni alti e rimpolpati: una gioia per gli occhi; tutto e sempre per il bene dei cittadini, per gli assetati d’Etiopia, per gli affamati del Kenia, per i bimbi dell’Africa.

- Margherita – Ds – Ds – Margherita,– Ds – Società civile – società civile – società civile  Ds – Margherita e Cultura. Cultura, Cultura tanta Cultura – tanta Società civile – società civile – società civile  Ds – Margherita – Cultura. Cultura, Cultura tanta Cultura

ELFO

La Guerra si profila estenuante,  Poeta lunare tornerà domani o chissà e intanto godetevi il filmato

 

 

Leave your comment

Required.

Required. Not published.

If you have one.