L’accordo sull’Abaco

by on August 8, 2012

Torino lunare - Autore ignoto - Museo IL RE DEGLI ANARCHICI

L'èlite lavora per rendere sempre più bella la città Torino lunare - Autore ignoto - Museo IL RE DEGLI ANARCHICI

Dalla Luna lunare ci scrive:

L’accordo sull’Abaco

Qui Torino Lunare il Vostro POETA

Almeno una volta, grazie all’infaticabile opera dell’infaticabile direttore Balivo, s’è sperato che davvero si toccasse la fine; e infatti fu vittoriosamente comunicato alla stampa che un accordo esisteva ma quella stessa sera la dottoressa Marilli, D.S., telefonò a un giornalista e sputò la sua rabbia:

«Sono anni che la sera, il sabato, la domenica lavoro nel partito, nel quartiere, alle feste dell’Unità. Ancora ieri mi hanno detto: “Quel posto, alla neonata fondazione Rinascita dei bachi da seta è tutto tuo, ma oggi che apprendo? Che una sciacquetta della società civile, quella che è tanto, tanto, tanto solidale coi bimbi dell’Africa, con gli assetati del Kenia, con gli emigrati marocchini, quella che vive in collina, con giardinieri e serve, che ha avuto il nido privato, l’asilo privato, ecc. ecc., quella sciacquetta, dicevo, si prende il mio posto alla fondazione per i bachi da seta. Non era nulla quella fondazione! Non ti danno neppure il gettone di presenza, ma io già sognavo di amare e svezzare i miei gelsi e i miei bachi. E ora? Ora il mio sogno, Pouf, è svanito per colpa di quella sciacquetta con cuoca, servi, palazzo con parco, villa a Lerici, ecc. ecc. ma ora racconto come la sciacquetta ha usato la sua fresca fessura, a chi l’ha data la madre ecc. ecc, le puttane del padre ecc. ecc. »

Quella stessa sera un famoso regista infuriato si scatenò con due giornalisti:

«Nomineranno direttore il Signor Patrizio Salmone, che fiuta coca e non capisce nulla. Dovevo fare il mio Miles Gloriosus, la mia Locandiera, il mio Sartre e non farò un bel niente. Il Salmone mi ha detto “Io sarò direttore e tu potrai dirigere solo le rane del tuo giardino” ma io ho un dossier su quel maiale. Se vuoi lavorare per lui e sei femmina ecc. ecc., se sei maschio ecc. ecc.»

Quella stessa sera un infuriato dottor Salamini telefonò al giornale «Ma come? Io lavoro gratis per gli oratori, per le Onlus, per il Cottolengo e chi mi preferiscono? Un Margheritone raccomandato dal vescovo, che fino a ieri ecc. ecc. » Non erano ancora trascorse due ore da questi deplorevoli eventi che la guerra riprese.

Leave your comment

Required.

Required. Not published.

If you have one.