SENTO LA NOTIZIA CHE IL… della Tremenda Torvalda

by on September 20, 2012

 

Apprendo la notizia che iltesorieredel partito fantasma Margherita ha ottenuto gli “arresti domiciliari”. Insomma, dopo pochi mesi di “custodia cautelare”, un ladro istituzionale è tornato agli affetti e al calore della famiglia… Non proprio cosi, dal momento che anche la moglie è un bell’esemplare di immacolata onestà, per cui l’individuo è stato mandato in una struttura religiosa.

Sarebbe accaduto la stessa cosa se si fosse trattato di un ladro di galline?
Intanto quest’ultimo le galline le avrebbe restituite subito? Ovvero il proprietario legittimo delle galline quantomeno immediatamente avrebbe rivendicato le sue galline.
Poi la giustizia avrebbe proceduto. E senza sconti. Perché il ladro di galline va punito per il reato in sé, e per il principio Non si ruba.

Nel caso “Lusi”, il malloppo è stato prontamente restituito?
A chi?
A noi?
A me?
A me che pago le tasse fino all’ultimo centesimo. Non perché sia antropologicamente diversa “dal Lusi”, ma perché ci sono regole da rispettare.

La giustizia quando provvederà a condannare con formula definitiva il reo confesso Lusi?
Che Lusi Luigi sia un ladro è un fatto: l’ho ammesso lui stesso, quando faceva i distinguo tra i milioni più e i milioni meno..
Certo è che quando (quando?) la sentenza sarà emessa, se il linguaggio con cui sarà formulata la condanna avrà lo stesso tenore di quello usato dal gip che ne ha disposto gli arresti domiciliari
“nella situazione interinale Lusi potrebbe operare la restituzione del denaro trasferito in Canada, con inequivoco sintomo di affrancamento dal sistema criminale in cui egli sembra essere vissuto: una specifica volontà in tal senso, d’altronde, è già desumibile dal vincolo creato con la costituzione del pegno sulle quote delle società canadesi, in favore della procura di Roma”,
io no capirò mai se il signore Lusi Luigi starà dentro o fuori del carcere…..

By Torvalda

Leave your comment

Required.

Required. Not published.

If you have one.